Sistemi e Paesi
GPT
recedentemente conosciute come Plessey, le schede magnetiche prodotte in Gran Bretagna dalla GPT (GEC Plessey Telecommunications) sono ben conosciute ed apprezzate dai collezionisti. La GPT, che di fatto è una società formata dalla Siemens e dalla GEC (General Electric Company), ha sviluppato una propria tecnologia



che attualmente è nei primi posti per quanto riguarda la produzione ed il consumo di carte magnetiche nel mondo, e produsse le prime schede nel 1987. Su ognuna delle prime card si trovavano ben sette bande magnetiche, tre attraverso la parte centrale ed una ad ogni angolo; ma dal 1991 le due bande in alto vennero eliminate così ora ve ne sono solo cinque. Le prime card possono essere riconosciute dalla cosiddetta deep notch, o tacca profonda, che fu in uso fino al 1989, mentre tutte le schede prodotte dopo tale data presentano una tacca piccola. In alcuni Paesi, come Malaysia o Singapore, gli apparecchi telefonici utilizzano un sistema per indicare sulla scheda la quantità di scatti consumata, facento una piccola punzonatura su una scala graduata alla fine di ogni telefonata.
I numeri seriali, stampati in nero, sono un mix di lettere e numeri e le prime tre lettere spesso identificano la nazione alla quale appartiene la scheda; i primi numeri seriali erano stampati in rosso sul fondo nero e per essere visti era necessario posizionare la scheda secondo una certa angolazione rispetto alla luce.
Le schede magnetiche non sono comunque l'unico tipo di card prodotte dalla GPT: già nel 1991 infatti venne sviluppata una tecnologia chip propria, sebbene della società faccia parte la Siemens, a sua volta produttrice di moduli; e numerose nazioni utilizzano infatti card con il caratteristico chip GPT. Nonostante ciò, quando a livello collezionistico si cita la GPT, generalmente ci si riferisce alle card di tipo magnetico.

Vota per All Cards!